Rassegna Stampa

< «Turismo, basilare puntare su nuovi fattori di attrazione»
24.05.2011

Servizi, dalla scienza al valore aggiunto portato dagli anziani

Rullani e Gardina: Trieste deve investire sull’innovazione senza dimenticare il suo straordinario laboratorio umano

TRIESTE. Come sarà la Trieste del futuro? Per i professori Enzo Rullani e Massimo Gardina, più che una scelta casuale ci dovrà essere un categorico impegno, tendente al “top”. Lo studio della Fondazione Nord Est parla chiaro: «Nel capitalismo globale della conoscenza, concetto emergente dal 2000 in poi, le città, le imprese e le persone competono nella generazione del valore attraverso la conoscenza». E dunque la rete di strutture, istituzioni, imprese che gravitano attorno all’eccellenza locale devono essere messe in rete per aiutare la città a «ridefinire il proprio ruolo». Meglio: se vuole essere una città «intelligente», nella definizione che ne danno i due ricercatori, deve investire «in capitale umano, ricerca, esplorazione del nuovo ecc.».

Di più: l’organismo produttivo a cui bisogna guardare, anche a Trieste, non è più la singola impresa «ma la filiera a cui queste attività appartengono». Come? Mettendo in collaborazione «attività interne ed esterne, manifattura e servizi, scienza e applicazioni» invece di separarle o metterle in conflitto tra loro.

Trieste oltre trieste

CONFINDUSTRIA TRIESTE - Piazza Casali 1, 34134 Trieste
TEL 040 3750111 - mail: oltre.ts@confindustria.ts.it